Hai ricevuto un bel mazzo di fiori recisi per San Valentino? E’ sempre un peccato vedere cotanta bellezza svanire in così pochi giorni.

Ecco qualche accorgimento per rendere la vita dei fiori recisi più lunga e godere più a lungo il regalo del proprio amore!

1) Appena comprate il vostro mazzo incartato, sdraiatelo sui sedili cercando di schiacciare meno possibile i fiori, e di immobilizzarlo, per evitare che rotoli avanti e indietro con la marcia dell’auto.

2) Cercate di ridurre più possibile il tragitto dei fiori fino a casa. Potreste sciupare completamente le vostre belle corolle alle bassissime temperature del pieno inverno, soprattutto se nel mazzo sono presenti delle orchidee, estremamente sensibili ai colpi di freddo. Considerate che i fioristi tengono i fiori recisi in ambienti settati a pochi gradi per conservarli più a lungo.

3) Appena arrivati a casa, togliete subito la carta che avvolge i fiori e metteteli dentro al vaso con acqua pulita o, se dovete ancora sceglierne uno, dentro ad un secchio con tanta acqua, in un posto fresco e areato all’ombra. Ricordate di togliere gli elastici dai gambi, che ostacolano l’assorbimento dell’acqua. Se invece avete tra le mani un mazzo composto dal fiorista, allora mettete un elastico unico, non troppo stretto, che tenga tutti i gambi e conservi la forma del mazzo.

4) A questo punto, scelto il vaso, aggiungete l’acqua a cui avrete aggiunto un’aspirina o meglio, mescolato una bustina di polvere conservante (si trova presso tutti i fioristi/garden), e collocate il mazzo già pronto. Se invece dovete comporlo voi, prendete i rami ed eliminate le foglie da circa metà ramo in giù.Questo per evitare che le foglie rimangano sott’acqua e marciscano: il principale nemico dei fiori recisi infatti sono i batteri. Meno ce ne sono nell’acqua e più a lungo dureranno i fiori. Se i fiori in questione sono rose, staccate con delicatezza le spine della parte terminale del ramo, per evitare che, con l’attrito, creino ferite (esca per i batteri) sugli altri steli. Ricordate che lo stelo del fiore dev’essere immerso per massimo 2/3, meglio meno.

5) A questo punto tagliate di un paio di cm netti la parte terminale dei rami in obliquo, con delle belle cesoie affilate. Se si tratta di fiori con steli molto grossi, come calle o amaryllis, effettuate il taglio con un coltello, per evitare di schiacciare i tessuti vegetali. Se si tratta di tulipani o di fiori dallo stelo cavo, ricordate di effettuare il taglio direttamente sott’acqua, per evitare la formazione di bolle d’aria che, risucchiate, potrebbero bloccarne l’assorbimento, impedendo ai fiori di dissetarsi. Ricordate di cambiare l’acqua nel vaso (o di rabboccarla se avete usato il conservante) e di effettuare questo taglio ogni giorno, finché le corolle rimarrano in fiore.

6) Un consiglio finale: non accostate mai il vaso fiorito alla frutta matura.Molti frutti infatti producono etilene, un ormone volatile che accellera l’invecchiamento dei fiori.

Condividi